Giornata conclusiva INTERREG IV – FIORIBIO

Home / Eventi / Giornata conclusiva INTERREG IV – FIORIBIO
 
FLORE 3.0. Il florovivaismo mediterraneo; un sistema interagente per migliorare il posizionamento sui mercati
Patentino Fitosanitario
Laboratorio "La scienza in fiore" - Festival della scienza 2018
L’INNOVAZIONE E LA COOPERAZIONE AD IRF A SUPPORTO DEL COMPARTO DELLE SUCCULENTE
Flore 3.0
Benvenuta Itala
29° Incontri Fitoiatrici – La disinfezione del terreno
Programma Regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013 – Misura 111 – Azione B – SICUREZZA
Summer School Of Floriculture 2014 “Sostenibilità della floricoltura mediterranea”
Riviera Food Festival
PSR 111 – Valorizzazione della coltivazione della Lavanda
Porte Aperte @ Biancheri Creation®
La difesa dalle malattie e dai parassiti delle piante ornamentali
Porte Aperte all’IRF – La Margherita
Porte Aperte all’IRF – L’Elleboro
Progetto INNORNA
Ricerche e sperimentazioni per la valorizzazione di specie caratterizzanti la produzione floricola ligure – CONVEGNO DI CHIUSURA
Malattie da virus del ranuncolo e della margherita: epidemiologia e diagnostica
Summer School Of Floriculture in Micropropagazione e Tecniche Avanzate di Coltura in vitro
Giornata conclusiva INTERREG IV – FIORIBIO
Il controllo delle avversità del terreno in pre-impianto per una floricoltura sostenibile
Diversificazione produttiva nella margherita – Giornate divulgative alla produzione
FIORIBIO
Porte Aperte all’IRF – Il Papavero d’Islanda
Nuove prospettive energetiche per la floricoltura ligure
Cina
Giornata celebrativa del 9 novembre

21/06/2012 – Giornata conclusiva INTERREG IV – FIORIBIO

21/06/2012

Il 21 Giugno 2012, presso le strutture  dell’INRA Institut Sophia Agrobiotech (400 Route des Chappes, Sophia Antipolis, Francia), si è tenuta la giornata conclusiva del Progetto INTERREG IV FIORIBIO

OBIETTIVI DEL PROGRAMMA FIORIBIO

  • Adattare i risultati ottenuti da innovative ricerche in agricoltura alle necessità della floricoltura transfrontaliera;
  • Adottare tecniche innovative tenendo conto dei numerosi limiti socio-economici di questa filiera;
  • Lavorare in stretto contatto con le Aziende locali a sostegno di iniziative nel campo della tutela dell’ambiente e del miglioramento della qualità delle produzioni.