INSULI

Home / Progetti / Attivi / INSULI
 

Innovazione sulle Piante Succulente in Liguria


Innovazione sulle Piante Succulente in Liguria

ENTE FINANZIATORE: Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020. Misura 16.01 - “Aiuti per la costituzione e l’operatività dei gruppi operativi del PEI” 1° fase – Settore agricolo (attuazione della DGR n. 1338/2016).

PERIODO DI DURATA: 15 settembre 2017 al 14 dicembre 2017

RUOLO DI IRF: Coordinatore e Partner di progetto

DESCRIZIONE

Tematica e obiettivi

Il Progetto INSULI ha voluto essere un punto di valorizzazione del comparto delle piante succulente.
Il progetto si è collocato nella tematica rivolta all’introduzione di innovazione di prodotto nel comparto promuovendo, inoltre, studi ed approfondimenti sul settore succulente del territorio ligure che hanno permesso, anche mediante la redazione di una lista preliminare delle aziende impiegate in questo tipo di coltura nella nostra regione, di orientare le strategie per ottenere un reale e diretto riscontro dal settore produttivo.

Approccio metodologico

L’IRF, come capofila, ha guidato il partenariato (IRF, Distretto Florovivaistico del Ponente ed Azienda A&G FLOROORTOAGRICOLA S.S.A.) nella sottoscrizione dell’accordo di cooperazione per la costituzione del Gruppo Operativo CONSUL e del suo regolamento interno, ed ha coordinato e animato il partenariato nella realizzazione delle diverse attività previste dal progetto preliminare.

Il progetto ha previsto una attività di animazione allo scopo di creare o incrementare i rapporti e gli scambi di informazione tra i partner del progetto preliminare e quelli da ricercare (aziende agricole, imprese vivaistiche, università e centri studi, istituti di ricerca, amministrazioni locali, associazioni di categoria) per promuovere la costituzione del Gruppo Operativo ed elaborare il “progetto definitivo di cooperazione” con una individuazione più puntuale delle problematiche del settore e la valutazione delle innovazioni da poter attuare per affrontarle.
Sono stati effettuati alcuni studi propedeutici per ottenere le informazioni indispensabili alla redazione del “progetto definitivo”, nell’ottica che il progetto possa veramente apportare innovazione rispetto allo stato dell’arte e alle esigenze del comparto e del territorio. A questo scopo, sono stati di fondamentale importanza anche i vari incontri collettivi e individuali organizzati.
Inoltre, è stata realizzata un’indagine conoscitiva mediante un questionario appositamente elaborato dall’IRF sottoposto ad un campione di 25 aziende rappresentative del settore delle piante succulente nella nostra Regione, costituenti all’incirca il 50% delle aziende in attività, tra cui spiccano alcune aziende leader.

Dal questionario è stato possibile ottenere molte informazioni tra cui:

  • anagrafiche aziendali per una maggiore conoscenza del tessuto imprenditoriale del settore;
  • problematiche incontrate durante la conduzione della produzione e quindi interventi da parte delle strutture pubbliche (ed in particolare regionali) sono ritenute importanti per lo sviluppo del settore
  • relativamente alla finalità principe di INSULI, l’introduzione di innovazione, è stato chiesto alle aziende le caratteristiche principali che un prodotto innovativo debba avere;
  • manifestazioni di interesse nei confronti dell’iniziativa e intenzione a coinvolgersi, direttamente od indirettamente, con il gruppo operativo per il possibile sviluppo della futura progettualità.

Dal confronto con i partner, e dalle indicazioni ottenute con l’indagine, è stato possibile elaborare una preliminare lista di specie/varietà interessanti per il progetto, con il campo di applicazione per cui risultano interessanti, la modalità di propagazione e le condizioni di sviluppo.

Risultati e impatti

Il progetto INSULI ha portato all’individuazione di 4 diverse innovazioni:

1) introduzione di nuove varietà e specie: la produzione di piante succulente della nostra Regione presenta, tra i suoi principali punti di forza, l’estrema diversificazione delle specie prodotte; nel progetto preliminare sono state individuate alcune specie, di potenziale interesse, non ancora presenti sul mercato o presenti con numeri molto ridotti; l’obiettivo sarebbe quello di andare a valutare e realizzare una produzione di questo materiale, in grado di soddisfare le richieste del mercato e di diversificare ulteriormente la produzione.

2) innovazione della filiera commerciale-ampliamento della rete di mercato: come innovazione risulta interessante allargare la filiera commerciale, che ad oggi segue canali di distribuzione distinti da quelli classici del florovivaismo, andando a proporre il prodotto ‘piante succulente’ alla rete commerciale delle piante da vaso, e da reciso.

3) la pianta succulenta recisa come nuova tipologia di prodotto finale: normalmente il prodotto finale della coltivazione di piante succulente è una pianta o una composizione di piante in vaso; tuttavia, sono stati realizzati dei preliminari tentavi di commercializzazione di porzioni di piante succulente recise da utilizzare direttamente in composizioni floreali, come fossero fronde o fiori recisi. Si vuole quindi valutare soluzioni per il loro corretto confezionamento e mantenimento, per rendere più accattivante questo nuovo tipo di prodotto.

4) creazione di una piattaforma di servizi a supporto del settore piante succulente: dagli incontri con le aziende sono emerse una serie di problematiche comuni a tutto il settore, per le quali risulta interessante costituire e sviluppare un’unica piattaforma di servizi specialisti a supporto del comparto delle piante succulente in Liguria (supporto per problematiche fitopatologiche, di propagazione, conduzione agronomica, raccolta informazioni e dati relativi al settore, divulgazione e scambi di informazioni tra le aziende).

PARTNER

  • Istituto Regionale Per La Floricoltura (IRF), Italia
  • Distretto Agricolo Florovivaistico del Ponente, Italia
  • Azienda AG Sanremo - Cactus e Succulente (IM), Italia

PERSONALE COINVOLTO

  • Margherita Beruto (coordinatore e responsabile IRF; beruto@regflor.it)
  • Serena Viglione (tecnico per le prove in vitro; viglione@regflor.it)
  • Federico Di Battista (tecnico per le prove in campo; dibattista@regflor.it)
  • Elena Delfini (tecnico-amministrativo; delfini@regflor.it)

Contattaci

Informativa
Condividi questa pagina: